Scenografie urbane

Tra la fine del XVII  e l’inizio del XVIII secolo, le grandi città italiane come Roma, Napoli e Torino cominciano a partecipare al grande fermento architettonico secondo la moda del tempo, avviata nella maggior parte dei casi nelle importanti corti europee, in maniera particolare quella francese. L’architettura che per secoli era stata l’arte dell’edificare strutture solide, fisse e dall’indubbia bellezza, in questi anni comincia a prestarsi a realizzazioni più effimere, ma non per questo meno spettacolari. Il ‘700 è un po’ il secolo delle grandi apparenze, ma è anche il secolo dove, seppur con tratti spesso ambigui, c’è una sorta di liberalizzazione del vivere sociale. Questo comporta la realizzazione di apparati scenici e ludici per le strade delle città, affinché essi possano essere apprezzabili da tutti. Questo tipo di realizzazioni non riguarda le grandi parate o processioni che già si facevano in passato, ma interessa direttamente l’architettura, dal momento che verrà chiesto a numerosi, e spesso importanti architetti, di realizzare costruzioni atte a trasformare la città, non per sempre, ma per l’occasione. La novità sta proprio in questo, nel fatto che queste strutture di scenografia urbana non siano fisse, ma si presentino fantastiche non solo per la loro bellezza, ma per la loro straordinarietà: nel senso di fuori dall’ordinario della quotidianità.

Un esempio molto interessante a riguardo è la grande scenografia realizzata da Bernini presso la scalinata di Trinità dei Monti a Roma nel 1662, per celebrare la nascita del delfino di Francia. L’apparato seppur effimero ci è tramandato da un incisione di Dominique Barriere.

pzaspagna

Si vede bene come l’architettura scenografica tenda a creare una nuova ed effimera realtà, trasformando la scalinata in una foresta, fuori dalla quale spicca un monte quasi sacro, sulla cui cima un delfino è circondato e presentato da imponenti e vaporose figure. L’architettura reale, come la chiesa sullo sfondo, diventa utile in prospettiva, ma se ne elimina il ruolo da protagonista.

Sempre a Roma e sempre per la nascita del delfino di Francia, stavolta del 1697, ci è tramandato da un quadro di Giovanni Paolo Pannini, il grande apparato scenico realizzato in piazza Navona.

Giovanni_Paolo_Pannini_-_Piazza_Navona_in_Rome_-_WGA16976

Qui il rapporto tra l’architettura reale e quella fittizia è più osmotico che nel caso precedente. Le forme sono più controllate e meno barocche, ma non per questo meno solenni  con grandi archi trionfali e colonne che richiamano la Traiana e l’Aurealiana. L’architettura gioca con lo spazio, ne modifica la percezione, attraverso giochi simmetrici e dimensionali.

A Napoli qualche anno più tardi, nel 1740, troviamo Ferdinando Sanfelice che propone alla città qualcosa di sbalorditivo: una macchina per la festa della cuccagna di quell’anno. La festa della cuccagna era un’antica tradizione napoletana legata al culto laico dell’abbondanza e veniva celebrata con una macchina, che posta nella piazza principale della città, distribuiva viveri gratuiti a tutto il popolo.

img-2-small580

Sanfelice propone questa grande macchina dalla forma svettante e orientaleggiante, che sembra riprodurre in verticale il gioco aperto/chiuso del porticato dela piazza in cui è posizionata. Interessante è come in questo caso la struttura effimera della macchina, sembri trarre in modo molto diretto dall’architettura reale di palazzo Sanfelice eretto dall’omonimo architetto nel 1738; a tal proposito è particolare come la proposta privata del palazzo, venga assunta in una logica pubblica della macchina.

Palazzo-dello-Spagnolo-1.jpg

Trovo che questo strano punto di vista sull’architettura possa essere molto interessante e degno di altri approfondimenti; per ora mi auguro di aver stimolato la vostra curiosità su questo tema.

Angelo Bartuccio

Riproduzione riservata

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...